Logo del Parco
Condividi
Home » Vivere il parco » News e stampa

BITTI. L’ASSESSORE REGIONALE DELLA DIFESA DELL’AMBIENTE PORCU VISITA LA SEDE DEL PARCO DI TEPILORA, I BOSCHI DEL VERSANTE MONTANO E I PRESIDI DI FORESTAS

( Bitti, 20 Dicembre 2022 )

Bitti, 19 dicembre 2022 – Il neoassessore regionale della Difesa dell’Ambiente, Marco Porcu, ha visitato oggi con una delegazione dei suoi uffici e del gabinetto la sede del Parco naturale regionale di Tepilora a Bitti, dove ha incontrato il presidente, Giuseppe Ciccolini, la direttrice, Marianna Mossa, il referente della Riserva di Biosfera e delegato della Provincia di Nuoro, Francesco Murgia, i delegati nell’Assemblea dell’area protetta per l’Assessorato, Paolo Puddu, per l’Agenzia Forestas, Salvatore Mele, e il direttore del cantiere di Forestas a Crastazza, Giuseppe Casula. La visita nella struttura dell’Ente è stata anche occasione per poterne apprezzare il funzionamento. La giornata è poi proseguita con un incontro formale nell’aula consiliare, dove ci si è confrontati sulle attività svolte e i progetti in fase di realizzazione sia nel Parco, esteso per quasi 8000 ettari anche nei territori di Lodè, Torpè e Posada, e sia nella Riserva della Biosfera MaB Unesco Tepilora, Rio Posada e Montalbo, di cui fanno parte altri 13 Comuni tra bassa Gallura, alta Barbagia, Monteacuto e Baronia. Lasciata la Domo Cumonale ci si è spostati nei boschi del versante montano del Parco, dove la delegazione ha fatto sosta nella sede del cantiere di Forestas di Crastazza e ha quindi visitato “Sa domo de su burgu”, un edificio quasi completamente ristrutturato, nel cuore dell’altopiano, che presto diventerà un centro servizi per i visitatori. Nel tour conoscitivo l’assessore ha seguito con forte interesse il costante report di aggiornamento fornito dai rappresentanti del Parco con il chiaro obiettivo di raccogliere tutte le informazioni possibili sui punti di forza e criticità.

Il presidente. Il presidente Ciccolini, nel ringraziare l’assessore Porcu per aver voluto conoscere di persona la realtà del Parco, ha ricordato come l’Ente, di giovane istituzione (ha iniziato a muovere i primi passi a metà 2015), si sia strutturato con successo così da assicurare una buona operatività in termini di promozione delle idee, elaborazione e gestione dei progetti. Una organizzazione sul campo dove sono stati coinvolti anche i quattro Centri per l’educazione ambientale (Ceas), presenti in ogni paese, e capaci di portare avanti iniziative di formazione soprattutto nelle scuole, coinvolgendo i più piccoli. Ciccolini ha poi illustrato i passaggi che hanno portato al riconoscimento della Riserva della Biosfera MaB Unesco, “uno straordinario risultato su cui dobbiamo continuare a lavorare perché tali traguardi, oltre che a raggiungerli, dobbiamo anche essere capaci di conservarli con azioni volte alla valorizzazione della crescita economica, culturale, sociale e turistica delle nostre comunità. Un processo di sviluppo che sia sempre inserito all’interno della grande cornice della sostenibilità ambientale”. Il rappresentante del Parco ha inoltre ricordato come sia fondamentale sostenere il turn over del personale di Forestas, con cui da anni si è costruita una stretta collaborazione nelle diverse azioni da portare a compimento. “Se da un lato abbiamo lavorato per costruire una struttura amministrativa efficiente – ha aggiunto il presidente – dall’altro abbiamo raggiunto altrettanti obiettivi nel recuperare buona parte delle sedi delle Porte del Parco, nell’acquistare quasi 80 ettari di stagni nella zona umida di Posada e nel lanciare iniziative di promozione come Foreste aperte, in queste settimane alla prima edizione, ma che cresceranno certamente a partire dalla prossima primavera, con un coinvolgimento a tutto campo di visitatori tra scolaresche e amanti della natura, sportivi a piedi o sulle due ruote”, ha concluso Giuseppe Ciccolini.

La direttrice. “Questo è un Parco e un luogo verso cui ho un amore speciale perché, prima di assumerne la direzione, l’ho visto nascere dagli uffici dell’Assessorato dell’Ambiente a Cagliari”. Così la direttrice Marianna Mossa, che ha aggiunto: “Questi territori hanno una voglia di fare e di crescere attraverso il Parco davvero unica. Ed è ciò il grande punto di forza e il fascino che avvolge Tepilora e i suoi abitanti”.

Al seguente link foto, immagini grezze e intervista al presidente Ciccolini: https://we.tl/t-XYR6zRxE9B

 
© 2023 - Parco Naturale Regionale di Tepilora
Via Attilio Deffenu, 69 - 08021 Bitti (NU)
Tel 0784/1650049 - Email: protocollo@parcoditepilora.it
Partita IVA: 01465970919 - Posta certificata